1. Homo Faber 2020 torna nella splendida cornice della Fondazione Giorgio Cini a Venezia per celebrare il meglio dei mestieri d’arte d’Europa e del Giappone. Con 17 mostre tematiche dedicate ai maestri artigiani di tutta Europa, questa edizione di Homo Faber durerà un mese intero e darà il benvenuto al Giappone come ospite d’onore. Le mostre metteranno in luce le venerate tradizioni artigianali del Sol Levante e renderanno omaggio alle loro influenze sui mestieri d’arte europei. Le mostre di Homo Faber 2020 offriranno un inedito palcoscenico a una serie di materiali e saperi, dai mestieri tradizionali a rischio di estinzione alle tecniche contemporanee più innovative.

    Nel ricco team di curatori, designer e architetti di fama mondiale che stanno creando i 17 spazi espositivi si annoverano: Michele De Lucchi, architetto italiano; la londinese Judith Clark, curatrice e progettista di esibizioni dedicate alla moda; Naoto Fukasawa, designer, professore e curatore giapponese; il francese David Caméo, direttore di museo ed esperto di porcellana; Jean Blanchaert, gallerista italo-belga; l’acclamato architetto Stefano Boeri; il regista americano Robert Wilson; Sebastian Herkner, designer tedesco; Simon Kidston, broker, collezionista ed esperto di auto d’epoca; il giapponese Tokugo Uchida, direttore di museo; la rinomata fotografa giapponese Rinko Kawauchi; Frédéric Bodet, curatore francese specialista di porcellane; l’italiano Stefano Micelli, professore universitario ed esperto di alto artigianato; Sylvain Roca, interior designer e scenografo francese. La mostra sarà aperta tutti i giorni dal 10 settembre all’11 ottobre con orario continuato dalle 10:00 alle 18:00. I biglietti d’ingresso potranno essere acquistati presso la biglietteria o sul sito homofaberevent.com

Pin It