Costa Smeralda, la nuova ammiraglia della flotta di Costa Crociere, è alimentata a Gas Naturale Liquefatto (LNG), il combustibile fossile più pulito al mondo, e rappresenta quindi un esempio concreto di innovazione responsabile. Ma non è questa l’unica novità…

Italy’s finest è il tema scelto dal Direttore Creativo Adam D. Tihany per il design degli interni di Costa Smeralda. E in questo contesto, Costa Smeralda ospita il primo museo del design a bordo di una nave da crociera, che è anche l’unica area disegnata direttamente dallo stesso Tihany e dal suo studio. Il Costa Design Collection Museum (CoDe) è un concentrato di stile italiano, una celebrazione interattiva dell’eccellenza italiana contemporanea in tema di design, dalla moda, al cinema, all’arredamento. Sotto la guida di Tihany, il tema “Italy’s finest” è stato sviluppato da quattro studi di architettura e interior design: Dordoni Architetti, Rockwell Group, Jeffrey Beers International e Partner Ship Design. 

Nelle camere di Costa Smeralda, progettate dallo studio Dordoni Architetti, è dunque possibile un vero e proprio Grand Tour. Ogni ponte è associato ad una città italiana, evocata nelle decorazioni degli interni, nella scelta delle tonalità cromatiche e nell’atmosfera.  Arrivando dagli ascensori e attraverso i corridoi, questo design ispirato alle località italiane coinvolge gli ospiti, conducendoli sino alle loro camere, concepite come “città in una stanza”. Partendo dal ponte 4 con Palermo, il viaggio procede verso nord attraverso 11 ponti, dove ogni ponte è ispirato a una delle più belle e rappresentative località italiane, come Capri, Roma, Venezia, Milano, per terminare con Bellagio al ponte 17.

Fondendo teatro e architettura, Rockwell Group ha progettato molte delle principali aree di intrattenimento e divertimento della nave, tra cui: il "Colosseo", l’arena per gli eventi al centro della nave; il “Teatro Sanremo”, un teatro che si trasforma in una discoteca; un beach club e una piscina coperta che ricordano i paesaggi del sud Italia. Evocando una piazza italiana, il "Colosseo", che si estende su tre ponti, ha un pavimento che riprende il design di Piazza del Campidoglio a Roma, ed è dotato di un atrio a cupola per ospitare spettacoli acrobatici. Gli altri spazi progettati dallo studio comprendono alcuni ristoranti, bar e saloni, le aree dedicate alle escursioni e alle fotografie, e quelle per gli ospiti più piccoli.

Lo studio Jeffrey Beers International ha disegnato invece casinò, jazz Club, bar e ristoranti principali. Ogni spazio celebra a modo suo l’arte, la cultura e l’artigianato italiano. I lampadari di vetro di Murano, l’arredamento colorato, e i pavimenti che richiamano i palazzi e le piazze italiane si alternano con la moquette che rimanda a quadri astratti, con riferimenti alle icone e ai simboli dell’Italia.

Lo studio AWK, compagnia sorella di Partner Ship Design, ha ricoperto il ruolo di Coordinating Architect lavorando fianco a fianco con il cantiere navale Meyer di Turku e con il team di design. Partner Ship Design ha curato il design di diversi bar e ristoranti, del laboratorio di cucina e le aree benessere, oltre che il design degli esterni: ponti attrezzati, la passeggiata esterna e tutti gli spazi all’aperto che sono una componente fondamentale dell’esperienza di crociera. Fra le aziende coinvolte, spiccano nomi quali Cappellini e Cassina, Dedar e Driade, Emu e Flos, FontanArte e Kartell, Molteni&C e Moroso, Paola Lenti e Poltrona Frau, Rosa e Rubelli, Alessi.

Pin It